Le Unioni Ladine Val Biois, Cadore de Medo, Comelgo e il Gruppo Folk “I Legar”, col patrocinio dell’Istituto Ladin de la Dolomites, organizzano la manifestazione denominata “Omaggio alle Minoranze Linguistiche Storiche in Italia – Dodici canti per dodici lingue“.

Lo spettacolo è una creazione tra recital, multimedialità e canto intesa a presentare, con un brano musicale e una breve storia, ognuna delle dodici comunità storiche di parlata minoritaria che lo Stato italiano riconosce dal 1999 con la Legge 482.

Una carta dell’Italia con la posizione delle comunità minoritarie accompagna gli spettatori in un viaggio particolare e ricco d’emozioni, facendo conoscere e apprezzare i suoni e le melodie albanesi, catalane, germaniche, greche, slovene, croate, francesi, francoprovenzali, friulane, ladine, occitane e sarde.

Protagonista del recital è il gruppo piemontese “Chambra d’Oc”, animato da Dario Anghilante (voce recitante), Flavio Giacchero (sax soprano, clarinetto basso, cornamuse), Marzia Rey (voce, violino), Luca Pellegrino (voce, ghironda, fisarmonica), Paola Bertello (voce). Lo spettacolo “Omaggio alle Minoranze Linguistiche Storiche in Italia – Dodici canti per dodici lingue” sarà presentato in terra ladina bellunese in tre serate consecutive:

  • venerdì 24 febbraio 2012 alle ore 20.30 nella Casa della Gioventù di Caviola;
  • sabato 25 febbraio 2012 alle ore 20.30 nella Casa della Regola di Casamazzagno;
  • domenica 26 febbraio 2012 alle ore 16.30 nella sala di Palazzo Pellegrini a Lozzo di Cadore.

Oltre alle Unioni culturali ladine che hanno organizzato ed ospitano lo spettacolo, è d’obbligo un cenno di ringraziamento per la collaborazione alla Parrocchia di Caviola, alla Regola di Casamazzagno ed al Gruppo Musicale di Costalta. Ingresso libero.

 

 

Tags:
Pubblicato in attività | Commenti Chiusi

Convegno sulla ladinità sabato 21 maggio con inizio alle 9 nell’ Auditorium Cos.Mo. di Pieve in concomitanza con lo spegnimento delle 30 candeline da parte dell’associazione dell’Unione ladina del Centro Cadore che lo ha organizzato in collaborazione con l’Istituto ladin de la Dolomites. A seguire Disnà ladin a Vallesella di Cadore…

Il meeting vuole sollecitare tutta una serie di riflessioni sui percorsi e sugli strumenti per la tutela delle minoranze linguistiche in un’ottica europea. Il tema è: «Parla ladino: sentiti cadorino! 1981-2011: 30 anni di Union Ladina del Cadore de Medo».

Fitto e di spessore il programma che prevede, dopo il benvenuto del coro della Scuola primaria di Calalzo e i saluti delle autorità locali, la partecipazione di rappresentanti regionali del Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige. I deputati Gianclaudio Bressa e Karl Zeller illustreranno quindi la nuova legge sulla minoranza ladina del Veneto, in discussione in Parlamento.

Alle 11 interverranno quindi esperti di lingua minoritaria come Luigi Guglielmi, che relazionerà su «Ladino: l’isola che non c’è?», e Marco Stolfo su «Tutela, diritti, opportunità. L’Europa batte dove la lingua duole». Sabrina Rasom invece proporrà l’opportunità «Può diventare lingua ciò che si vuole che lingua diventi». A chiusura ci sarà il dibattito.

Siccome oltre che giornata di impegno lo è anche di festa, l’evento si sposterà a mezzogiorno al Parco di Vallesella, dove sarà allestito il pranzo con specialità cadorine, proposto dal Centro Enaip di Calalzo all’insegna della tradizione e della riscoperta di antichi sapori. Aldo De Lotto & Band intratterrà infine i presenti con musica e cabaret in ladino cadorino. Il costo del biglietto è stato fissato in 15 euro (gazzettino).

Tags:
Pubblicato in attività | 2 Commenti »

studenti-ascuolaCo le nuove tecnologie la comunicazion la vien senpre pì svelta, se sa duto n pressa parchè se ciata duto su internet. Alora, zenza diventà s-ciave, bisogna nparà a dorà ste tecnologie, parchè le serve a comunicà e a difonde idee e progete.

L’Union Ladina da cuasi diese ane l à l sito www.ladinia.org agno che se po ciatà nformazion su le nostre tradizion, chel che é la nostra lenga, chel che é stou fato nte sti ane pa sostegnì e idà la nostra dente.

Da n an avon tacou na colaborazion co la scola media de Loze e i tosate à sistemou calche pagina del sito e i fararà na parte dedicada ai dovin che vive n Cadore.

Avon de bisuoi de coinvolge i dovin, parché i é luore che ntel doman dovarà vive nte sti luoghe. Alora, va ben tole su le testimonianze de na ota e fei musei parché i pì dovin sapie come che era na ota, ma dovon anche vardà ndavante, fei parlà i dovin ntra de luore par ladin, feili dorà l ladin anche co le nuove tecnologie.

E par discute e dibate sui probleme del mondo ladin, avon verto anche sto blog  agno che dute chi che vo po ntervegnì, domandà, mete su letere, idee, foto, video.

Ades la discussion é verta su pala autonomia de la provinzia e al referendum par otegnila. L blog vo animà la discussion su chel che la dente pensa che se abie da fei, par feine sta meo noi e i nostre fioi:  se po ntervegnì pa riportà testimonianze, pa scrive poesie n ladin, pa domandà nformazion, pa contribuì à fei algo pa la nostra dente.

Dute chi che dora n conpiuter colegou a internet po portà idee e discussion. Dute apede, se po zercà de costruì n futuro meo  de chel che avon davante i oce.

Francesca Larese Filon

Foto: Flickr (Extra Ketchup)

Tags:
Pubblicato in attualità | Commenti Chiusi

Sportel ladin a Loze   17 febbraio 2009

sportello_ufficioN SPORTEL LADIN VIEN VERTO ANCHE A LOZE

Daspò che é stade verte sie sportiei ladins da parte de l’Istituto ladin de la Dolomites, é vegnesta l ora anche pal comun de Loze de dà sto servizio ala dente. Tra calche dì na tosata de Loze la tacarà a fei chesto laoro pa n an.

Ma n chè consistelo n “sportel ladin?“. Ale curte, al dovarae fei chel che fa n ufizio turistico, solo che al posto de nformazion turistiche al dovarae dà nformazion sula ladinità dei nostre luoghe, zercà de spiegà chi che son e le nostre rason.

A chi se rivolgelo sto sportel? A dute chi che zerca nformazion leade al mondo ladin, tanto dente nostrana che foresta.

Al servizio l vien fato n grazia dei schei che é stade ciapade dal comun de Loze pa la lege 482/99 . La tosa la ciaparà posto do n Comun: oltre a dà  nformazion par ladin, la zercarà de tegnì nota dele esigenze che dovese sautà fora, senpre che le sea leade ai probleme dela nostra tera e ale nostre tradizion. La tacarà a traduse algo dal talian al ladin, par difonde l scrive n ladin (la scritura n ladin).

Savon ben che l ladin é na lenga parlada e che son poco usade a scrivelo. Pa nparà a scrivelo ben, la dovarà fei n corso nte l Istituto Ladin de la Dolomites, apede i tosate che é davoi chiautre sportiei.

I spietarà anche de menà la dente foresta e la nostrana a vede la Ruoia dei Mulin de Loze e l Museo de la Lataria; la darà na man a scrive sia pal blog che pal sito dell’Union Ladina.

Sti corse, destinade par ades ai tosate dei sportiei, speron de feili anche nte le scole, parchè no core tanto pa capì che l nostro futuro l é fato dai nostre fioi. Ntanto, augurando a sta tosata de fei n bon laoro, parton co sto “sportel ladin“.

Francesca Larese Filon

Tags:
Pubblicato in attualità | 2 Commenti »