Autonomia per la Provincia di Belluno   22 gennaio 2009

Provincia di Belluno con aree contermini -did

La Provincia di Belluno "schiacciata" tra la morsa costituita dalle Provincie autonome di Trento e Bolzano e della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.



Un’altra proposta di referendum riguardante la Provincia di Belluno. E’ stata consegnata ieri in Provincia da un comitato  per «costruire la Regione Dolomitica, unendo le Province di Belluno, di Trento e di Bolzano».

Quello che conta al momento è che si prenda sempre più coscienza che il problema dell’AUTONOMIA per la Provincia di Belluno C’E’ e sembra proprio, al di là di questa ultima proposta, che un’idea via via più precisa inizi a serpeggiare fra la nostra gente.

Evidentemente, oltre a lavorare a testa bassa, la gente comincia ad alzare la testa e guardarsi attorno.

A beneficio di chiunque voglia farsi un’idea “territorialista” della questione (che non può ovviamente essere ricondotta alla sola e semplice montanità), ho preparato una semplice “mappa” nella quale ho evidenziato le Provincie Autonome di Trento e Bolzano oltre alla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. In mezzo la cenerentola-Belluno.

Non occorrono indagini sociometriche … mio nonno avrebbe commentato con un “no serve autro …“.

Lo Stato italiano, garantendo l’autonomia a Trento, Bolzano e Friuli Venezia Giulia, ha di fatto iniziato a “soffocare” pian pianino la provincia di Belluno.

In soldoni: ciò che conta è conseguire la nostra ormai indispensabile autonomia. Dentro una allargata “Regione Dolomitica ?”, come provincia autonoma ma dentro il Veneto? non ha ora molta importanza; l’importante è che ci tolgano le mani di dosso, non se ne può proprio più.

Danilo De Martin

Condividi l'articolo:
Tags:
Questo articolo è stato pubblicato giovedì, 22 gennaio 2009 alle 14:43 in attualità, territorio. Puoi seguire ogni commento a questo articolo utilizzando il Feed RSS 2.0. Both comments and pings are currently closed.

4 commenti

16 aprile 2009 alle 17:46
Simone commenta:

Con la premessa che concordo in pieno con te, volevo chiedere se è vero che è in atto in provincia una raccolta firme per un probabile referendum da svolgersi per settembre/novembre.
Grazie.
Simone, Tambre (BL)

17 aprile 2009 alle 08:06
ddm commenta:

Qualche giorno fa si è saputo che Reolon non intende strumentalizzare l’imminente tornata elettorale con il referendum. In buona sostanza tutto resta congelato fino, perlomeno, al dopo elezioni.

In realtà io noto solo una grande confusione: prima l’Amministrazione provinciale appoggia l’azione referendaria dei coraggiosi lamonesi (Poletti) per sostenere la proprie tesi contro l’arroganza della Regione Veneto (Galan), poi pian pianino si smarca e propone il referendum sull’autonomia della nostra provincia (contrapposto a quello di Poletti che vuole il passaggio della provincia di Belluno al Trentino). Sempre dal Pd salta poi fuori un non ben precisato referendum incentrato sulla Regione Dolomitica.

Il fatto è che un referendum sull’autonomia della Provincia di Belluno avrebbe il consenso di gran parte della nostra gente, quindi è un argomento, in termini partitici, trasversale, e quindi non proprio utilissimo in campagna elettorale.

Credo però che chiunque salga a Palazzo Piloni per governare la provincia, non potrà fare a meno di affrontare seriamente il problema della nostra autonomia. In caso contrario c’è sempre il popolo, il “coraggio” dei lamonesi è lì a dimostrarcelo.

Danilo De Martin

19 ottobre 2010 alle 12:00
adolfo commenta:

Ciao Simone, se vuoi contattami ai numeri dei referenti territoriali sul sito che ci organizziamo

13 gennaio 2011 alle 13:10
trentino commenta:

ma la domanda è..
I Trentini vi vogliono?
io no di certo